Il laser in odontoiatria è una buona alternativa al bisturi che consente di intervenire in modo meno invasivo e più preciso.

Di norma, non richiede anestesia ed evita il sanguinamento delle gengive, il ché si traduce in minori disagi per il paziente. Altri benefici sono la diminuzione sensibile del dolore durante i trattamenti, riduzione o assenza di gonfiore nel post-trattamento e sensibile riduzione dei tempi di guarigione.

Evidenti sono i vantaggi derivanti dall’utilizzo di questa tecnologia nei pazienti cardiopatici e nelle donne in gravidanza.

Sbiancamento dentale e laser

Sempre più diffuso è l’utilizzo del laser in odontoiatria nella procedura dello sbiancamento dei denti in quanto consente di ottenere risultati ottimali in tempi di regola più brevi rispetto a quelli della tecnica tradizionale. È assolutamente indolore e non arreca particolari disagi al paziente. Per contro, gli esiti sono mediamente superiori.

Il trattamento si esegue con il ricorso ai prodotti tradizionali (perossido di idrogeno e perossido di carbamide) che, penetrando nello smalto, distruggono le molecole dei pigmenti coloranti. Il laser funge da attivatore di questo processo, accelerandolo e assicurando risultati più duraturi.

Laser in odontoiatria pediatrica

Per quanto riguarda i pazienti più piccoli (pedodonzia) l’uso del laser in odontoiatria è particolarmente indicato. Perché permette di intervenire sulle carie senza il ricorso al trapano, all’anestesia ed evitando il sanguinamento, aspetti che consentono di eseguire i trattamenti in sicurezza e limitando al massimo le sensazioni di fastidio.

Quello che consigliamo a tutti i nostri pazienti, dai più giovani ai più anziani, è parlare sempre con il dentista. Non abbiate timore a fare tutte le domande per risolvere ogni dubbi.

Se volete saperne di più su tutti gli utilizzi del laser in odontoiatria o doveste aver bisogno di fissare un primo consulto senza impegno presso lo Studio Dentistico Unisalus a Milano, non esitate a contattarci.

Torna su