Alitosi: cause e rimedi

La statistica media di pazienti che soffrono di alitosi durante la giornata in modo costante si aggira intorno al 35%.

Ma sapevi che per il 90% di questi pazienti la causa è la mancanza di una corretta igiene del cavo orale? Analizziamo questi dati nel dettaglio.

A cosa è dovuta l’alitosi?

L’alitosi può essere una condizione fisiologica o patologica.

Spesso però l’alitosi è dovuta a cause specifiche, come per esempio:

  1. Residui di cibi, non solo sui denti, ma anche sui tessuti molli che sulla lingua. In particolare, la lingua deve essere detersa e spazzolata con adeguati strumenti per una corretta igiene. Gli studi dimostrano che la parte posteriore della lingua è il posto dove maggiormente vanno ad annidarsi i batteri che spesso creano il disturbo della alitosi.
  2. La presenza di lesioni cariose non trattate
  3. La formazione di sacche parodontali, ossia patologie che coinvolgono le gengive e l’osso, il quale riducendosi forma una tasca tra l’osso stesso e la gengiva dove si depositano i residui di cibo, provocando l’aumento della malattia.

Secondo un sondaggio pubblicato dalla Associazione Dentale Americana, solo poco più del 55% delle donne si lava i denti due volte al giorno. La percentuale degli uomini che lo fanno è addirittura inferiore al 49%. Ma non solo, è necessario anche una giusto metodo di spazzolamento: leggi di più su come lavare correttamente i denti.

Quali sono le cause cosiddette “non orali”?

Non tutte le cause sono riconducibili a una scarsa o inadeguata igiene orale, talvolta può essere dovuta anche a:

  1. Cibi alitogeni, come per esempio aglio, cipolla, porri
  2. Fumo e consumo di bevande alcoliche
  3. Assunzione di farmaci (es. anti-ipertensivi)
  4. Presenza di tonsilliti acute
  5. Reflusso gastroesofageo

Come eliminare l’alitosi?

  1. Consumare collutori naturali e rinfrescanti, come menta fresca, prezzemolo, chiodi di garofano o anche il bicarbonato
  2. Bere almeno 1 litro e mezzo di acqua al giorno, necessario per stimolare la salivazione e prevenire la crescita batterica
  3. Prestare attenzione a cosa si mangia: non eliminare alcuni alimenti, ma consumali con moderazione
  4. Pulire la lingua, terreno fertile per eventuali batteri
  5. Spazzolare i denti due volte al giorno e almeno per due minuti
  6. Utilizzare il filo interdentale regolarmente una volta al giorno
  7. Utilizzare dentifricio contenente fluoro: il fumo per esempio indebolisce il sistema immunitario causando problemi gengivali.